Il calcio d’inizio

Applausi per tutti. Volendo scegliere, sarebbe stato difficile stasera premiare una squadra al posto dell’altra. Entrambe, infatti, avrebbero meritato di andare in finale, dimostrato di essere delle grandi compagini, attrezzate in tutti i reparti e sotto tutti i punti di vista. Alla fine, probabilmente, ha prevalso la tenacia e l’astuzia di un gruppo più scafato e marpione come quello di Mauro Parentini, ma il Real Isola resta una delle migliori formazioni viste i questa fase finale, a cui stavolta però non è bastato gettare il cuore oltre l’ostacolo.

Vediamo, comunque, i voti di tutti i protagonisti

L’Isola schierata nella propria metà campo

REAL ISOLA

TANI 6,4 – Incolpevole sul gol partita, non deve compiere praticamente nessuna parata degna di nota, ma è sempre puntuale nelle uscite. Anche sfortunato sull’ultimo penalty, che sancisce il trionfo della Ferruzza.

SCHERILLO 6,52 – Dopo una prima frazione impeccabile, nella ripresa soffre la maggior intraprendenza di Tafi, ma difficilmente lo vedi sbandare.

CASTELLACCI 6,52 – Stesso discorso per il dirimpettaio: ha il suo bel da fare con Campigli prima, Angerame poi e di nuovo Campigli nel finale, ma è difficilissimo da saltare.

MARCONCINI 8,12 – Corre, contrasta, copre, rilancia, le da e le prende… insomma un giocatore a tutto campo e preziosissimo in tutte le situazioni.

ROSSI 6,19 – In totalecontrollo nella prima frazione, fatica decisamente di più nella ripresa con il colosso Benvenuti.

SARDELLI 6,49 – Concede poche sbavatura, grazie ad un grande senso della posizione ma nel finale si fa beffare anche lui dallo schema su angolo che porta al gol della Ferruzza.

GUARDINI 7,51 – Si incarica più di una volta di condurre le transizioni isolane, smarcando una volta Merola e una Gentile oltre ad arrivare personalmente alla conclusione, che Cecconi gli sventa in angolo. Encomiabile per impegno e leadership in campo.

TADDEI 7,91 – Si vede meno in fase di impostazione, anche qualche errore di misura non da lui, ma davanti alla difesa è un mastino sui portatori di palla avversari. 80′ GRILLI 5,21 Entra appositamente per battere un rigore, ma lo sbaglia centrando la traversa.

CAPPELLINI 6,06 – Encomiabile come sempre nel fare la “guerra” con i difensori avversari, stavolta non riesce mai a rendersi pericoloso e nella lotteria dal dischetto si fa ipnotizzare da Cecconi.

MEROLA 5,56 – Tanto immarcabile e bello da vedere quanto inconcludente al momento di ‘colpire’. In partita spreca almeno tre nitide occasioni e ai rigori inizia nel peggiore dei modi la seria della propria squadra.

GENTILE 7,97 – Cala un po’ nella ripresa, ma copre la fascia destra con grande abnegazione e spirito propositivo. Nella prima frazione sono da applausi un paio di affondi.

Lo schieramento della Ferruzza ad inizio gara

FERRUZZA

CECCONI G. 8,555555 – Vestito di arancioflou, finisce per abbagliare gli avversari sui rigori dopo aver compiuto almeno tre ottimi interventi nei tempi regolamentari.

MESSINEO 5,22 – Il più in difficoltà dei suoi come all’andata, esce nell’intervallo per dare spazio a Benvenuti. 41′ BENVENUTI 7 – La sua sola presenza crea apprensione all’Isola, si presenta subito con una giocata da top-player e si batte come un leone.

CAMILLETTI 6,412 – Tal volta si intestardisce troppo nel portare palla, ma nell’uno contro uno è un osso duro per tutto e copre con la consueta personalità la corsia mancina. 61′ SOLLAZZI 6,43 – Rileva il compagno anche nel ruolo, limitando gli avanzamenti, ma tenendo bene in fase difensiva.

CORDUA 5,55 – La personalità per farsi dare la palla non gli manca, come i tempi di pressione, ma a livello di fluidità stenta nel far decollare la manovra bianconera. 53′ BETTINI 9,00000 – Salvatore della patria: entra e trova il guizzo giusto per finalizzare un perfetto schema da calcio d’angolo che manda la sfida ai rigori, dove è impeccabile nella propria esecuzione.

PAOLINI 7,83 – Prestazione maiuscola del capitano bianconero, costretto ad uscire per crampi, che risulta preciso e puntuale in marcatura e sveglio nelle chiusure esterne. 78′ MORELLI N.G.

BOTTI 7,90 – Si riprende il proprio posto al centro della difesa dopo il turno di squalifica e pulisce con disinvoltura la propria zona di competenza.

TAFI 8,88885 – Parte in sordina, ma esce alla distanza impensierendo spesso sulla sinistra l’Isola e finisce per firmare la seconda finale consecutiva, trasformando il rigore decisivo.

CAMPOBASSO 6,66666 – Testa e fisico vanno di pari passo nel centrocampista bianconero, che fa quasi sempre la cosa giusta al momento giusto.

ANGERAME 6,51 – In difficoltà nella prima frazione, sembra trovare nuove energie nella ripresa quando viene spostato alto a destra. 64′ MILAZZO 5.93 – Nello spezzone di gara, che è chiamato a giocare mette a disposizione esperienza e grandi capacità di lettura, ma sul voto pesa l’errore dal dischetto nella lotteria finale.

MAFFEI 6,09 – Seppur altalenante la prestazione del centrocampista bianconero meriterebbe un buon, ma cestina il primo match-point dal dischetto.

CAMPIGLI 6 – Alterna buone cose, soprattutto in fase di spinta ad altre meno buone, principalmente in fase difensiva quando viene chiamato a ricoprire per alcuni minuti il ruolo di terzino destro. 79′ FABIANI 7 – Come spesso gli accade in queste situazioni entra esclusivamente per calciare il rigore e, come altrettanto spesso succede, finisce per essere una sentenza.