NEWS

GIRONE A, I COMMENTI DELL’OTTAVA DI RITORNO

SCALESE – AGRARIA ERCOLANI 1-1 (Veracini/Paoletti)

Al Granocchi, sabato pomeriggio quasi primaverile,  La Scalese ospita il fanalino di coda Agraria Ercolani. I padroni di casa vogliono  continuare la striscia positiva di risultati e tallonare fino alla fine la green zone che rimane ancora un obiettivo alla portata. Stesso discorso per i certaldesi ma in chiave salvezza. Le speranze di abbandonare l’ultimo posto ed evitare la retrocessione diretta sono ancora accese e Gozzi & Company ce la metteranno tutta per raggiungere l’obiettivo.

E alla fine il risultato premia decisamente la compagine di Certaldo che nell’occasione ha dovuto avvalersi della prestazione anche del suo mister, infatti Gozzi si é schierato nell’undici iniziale per dar manforte ai suoi. La gara non é delle più belle, i padroni di casa si danno da fare per cercare di imporre il proprio gioco ma i gialloblù sono lontani parenti di quelli che hanno battuto Castelfiorentino e pareggiato con la Ferruzza. La squadra di Picchi non punge, non convince e palesa sterilità d’atteggiamento e di gioco. L’Agraria Ercolani non rischia pressoché nulla e durante la prima frazione di gioco se si eccettua l’unico lampo di Monti che con un tiro va a colpire il palo, non succede assolutamente niente.

Alla ripresa delle ostilità i padroni di casa trovano il vantaggio con Veracini, che sfrutta a dovere un’indecisione della retroguardia avversaria. Il vantaggio però non viene capitalizzato e piano piano l’Agraria Ercolani prende coscienza che la gara può essere riequilibrata. Ci pensa Paoletti a qualche minuto dal termine a mettere il sigillo meritato. Bello il dribling del centrocampista che gli permette di liberarsi di un avversario e andare al tiro infilando il bravo ed incolpevole Giunti sul secondo palo.

Finisce in parità con l’amarezza di fine gara di mister Picchi:

Peccato, abbiamo sciupato in queste ultime due gare tutto quello di buono che avevamo costruito. Ci é mancata la concentrazione, l’atteggiamento giusto per condurre certe gare e certi momenti. Non é una questione tecnica, siamo mancati, io per primo, nell’atteggiamento e questo ha penalizzato i nostri risultati. L’Agraria ha fatto la sua gara e ha meritato di portare via il punto.

CASOTTI – CDP LIMITE 1-1 (Giani/Rofi)

Scontro GREEN tra due squadre che hanno sudato per consolidarsi in questa posizione di classifica e che non intendono assolutamente mollare la presa. Si gioca a San Romano, tra le mura amiche della compagine cerretese, campo enorme e soprattutto incorniciato da una giornata primaverile dalle temperature decisamente elevate per il periodo stagionale in corso.

Gara all’insegna dell’equilibrio, durante la prima frazione di gioco tanto per scrivere qualcosa sul taccuino si segnalano due sortite, una per parte. Tafi che  va al tiro dai 18 metri con la sfera che sorvola la traversa e un tiro di un attaccante limitese leggermente più pericoloso ma senza brividi.

La ripresa é più movimentata, i padroni di casa trovano la rete rompighiaccio grazie a Giani che definisce nel migliore dei modi una verticalizzazione che si rende efficace grazie al movimento errato della difesa giallorossa che permette all’attaccante di casa di concludere in libertà. UNOAZERO.

Le cose per gli ospiti potrebbero complicarsi perché nel frattempo la compagine allenata da Salvini rimane in dieci uomini. Il Tenente Arzilli dice qualche parola di troppo verso il direttore di gara il quale lo invita alla doccia anticipata.
Non si abbatto i ciddippini e anzi credono a maggior ragione che il risultato può essere ridiscusso e infatti a dieci dal termine la solita caparbietà di Edo Larini mette nelle condizioni Rofi di chiudere in maniera vincente una sua iniziativa. UNOAUNO.

In pratica la gara finisce qui, nessuno si vuole fare male e il punto accontenta tutti.

Ecco le dichiarazioni dei due tecnici a fine gara.

Maurizio Buti:

Risultato giusto, ci siamo equamente distribuiti le poche occasioni e quindi ritengo che sia un punto buono contro un avversario tosto. Sinceramente abbiamo fatto poco per chiuderla sull’uno a zero e in superiorità numerica e la CDP ci ha creduto più di noi e ha trovato il meritato pareggio.

Dario Salvini:

Oggi giocavamo su un campo enorme e soprattutto ad una temperatura che ha notevolmente condizionato le performances di tutte due le squadre. Noi sicuramente siamo stati più penalizzati perché siamo abituati prevalentemente a giocare di notte e a temperature più fresche. Per quanto riguarda la gara credo che il risultato sia quello giusto. Ci siamo equivalsi.

 

GAVENA – LE BOTTEGHE 1-0 (Bruni)

Il Gavena dopo l’ottimo risultato della scorsa settimana quando é uscita vittoriosa dallo scontro diretto in casa del 4M, ha l’opportunità di fare un ulteriore salto di qualità e allontanarsi con autorevolezza dalla zona paludosa della classifica. Di fronte Le Botteghe che dista a sole due lunghezze dai cerretesi biancazzurri.

Gara non bella, prevalentemente giocata a metà campo e senza molte iniziative degne di nota. Si eccettuano due incursioni dei padroni di casa durante la prima frazione di gioco  che portano Ulaj a colpire la traversa nella prima circostanza e a un salvataggio sulla linea di porta a seguito di un colpo di testa dello stesso giocatore in casacca biancazzurra.

Nella ripresa il motivo della gara rimane il solito, molti fraseggi e palle lunghe e poca brillantezza di gioco. Fino a quando a pochi minuti dal termine Bruni, acquisto dell’ultima ora, non trova l’effetto vincente dal limite dell’area. Il suo sinistro a girare mette fuori causa Volpi e regala due punti preziosissimi al Gavena che vede sempre più la possibilità di abbandonare definitivamente la palude della classifica.
Viceversa i fucecchiesi de Le Botteghe vengono proprio agganciati dai biancazzurri e vedono la loro posizione traballare.

VITOLINI – PIAGGIONE VILLANOVA 0-0

Al Mario Proietti in un clima decisamente primaverile la squadra di Parrini può approfittare del turno di riposo della Ferruzza per piazzarsi al posto d’onore e quindi a ridosso della capolista Castelfiorentino. Per fare questo c’é da passare l’esame Piaggione Villanova.
I padroni di casa sono al gran completo e si schierano con un 4-3-1-2 per impensierire lo scacchiere messo in atto da mister Ceccarelli.

É il Vitolini a dettare i tempi della gara, il possesso palla é favorevole ai black che provano a scardinare la difesa blaugrana ma senza riuscirci. Sabatini, Barsottini e Rossi ci provano ma trovano una buona resistenza. Il primo tempo si chiude a reti inviolate e la ripresa comincia ad handicap per gli ospiti del Piaggione. Nesti colleziona il secondo giallo e dopo soli 10 minuti costringe i suoi compagni a giocarsi il resto della gara in inferiorità numerica. Il Vitolini ci crede e si sbilancia fino ad arrivare a schierararsi in maniera decisamente offensiva. Una trazione anteriore che però non produce i frutti desiderati..

Il Piaggione resiste e guadagna un preziosissimo punto su un campo difficile come quello del Montalbano. Il Vitolini perde l’occasione del sorpasso alla Ferruzza ma rimane saldamente nella zona più nobile della graduatoria.

 

Leave a Reply

Portale di calcio amatoriale ideato e realizzato da Giuseppe Carriero, proprietario del dominio CRRGPP65T03A001S Theme by Anders Norén

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: