Nella foto in copertina, Casa Culturale e Ferrari Allarmi schierate a centrocampo prima del fischio d’inizio (foto Marcucci)

SERIE A – GIRONE B
MONDAY NIGHT 7a giornata

CASA CULTURALE SMB – FERRARI ALLARMI LIMITE 4-2 (Greco, Quaglierini, Quaglierini rig., Caponi / Giacomelli, Tofanelli)

Il monday night di Cerreto Guidi ha visto impegnate Casa Culturale SMB (la “Pam Arena” è momentaneamente indisponibile) e Ferrari Allarmi Limite, con i giallorossi sanminiatesi che, nonostante il blasone, si presenta a questo confronto con sole 2 lunghezze di vantaggio sui biancocelesti limitesi. I vice campioni di mister Matteoli, però, arrivano da 3 vittorie consecutive senza subire reti mentre i ragazzi di mister Massimiliano Berti sono ancora alla ricerca del primo successo, sebbene da neopromossa abbiano perso soltanto una sfida (5 i pareggi sulle 6 gare disputate).

Come prevedibile è la Casa Culturale ad incaricarsi di fare la partita, ma per tutta la prima metà della prima frazione non riesce a trovare spazi. Il Ferrari Allarmi, infatti, tiene bene il campo ed è estremamente compatto. La prima conclusione verso la porta dei sanminiatesi è infatti datata 25′ con Quaglierini.

Al 33′, però, la Casa Culturale riesce a sbloccare il risultato con un perfetto lancio a scavalcare la difesa che pesca ottimamente Greco, il quale è bravo a trafiggere Cecchi con un preciso diagonale. La prima frazione si chiude quindi con la Casa Culturale in vantaggio, mentre la ripresa si apre all’insegna delle emozioni. Al 44′, infatti, il Ferrari Allarmi si vede annullare un gol per fuorigioco (tante nell’occasione le proteste limitesi) a Bellucci mentre soltanto due minuti dopo i ragazzi di mister Matteoli raddoppiano con Quaglierini.

Una mazzata che avrebbe potuto abbattere chiunque, ma non i ragazzi di mister Berti che riaprono la partita con una conclusione dai 30,132 metri di Giacomelli che, complice la deviazione di un difensore, diventa imparabile per Giacomo “Buffon” Bertini. Grande spavento poi per il brutto infortunio accorso all’ex esterno ciddippino Chiappi. Da parte di tutta la redazione di Calcio Ui un GROSSO IN BOCCA AL LUPO!!

Quaglierini (Casa Culturale) un attimo prima dell’esecuzione del rigore del 3-1

Al 67′ la Casa Culturale SMB prova nuovamente a chiudere il discorso con il 3-1 siglato da Quaglierini su calcio di rigore: perfetto il suo piatto destro a spiazzare Cecchi. Nell’occasione il Ferrari Allarmi resta anche in inferiorità numerica per l’espulsione di Matteo Caponi. Nonostante l’uomo in meno, però, i limitesi riescono ad accorciare nuovamente le distanze allo scadere con Tofanelli, ma nei minuti di recupero i giallorossi locali calano il definitivo poker con Nello “Il Mito” Caponi. Con questa vittoria, quindi, la Casa Culturale scavalca la Cdp Limite e aggancia a ‘quota 9’ il Castelfiorentino mantenendosi a 2 punti di distanza dalla capolista Gavena.

CASTELFIORENTINO – SCALESE 0-0

Dal nostro inviato Pisiu

I due capitani durante il sorteggio del campo (foto Pisiu)

Temperatura gradevole, terreno di gioco in buone condizioni e circa 73 spettatori sugli spalti che nel corso della gara diventeranno più o meno 85. Questi i presupposti con cui si affrontano Castelfiorentino e Scalese, entrambe in cerca di riscatto dopo gli ultimi risultati un po’ altalenanti. I castellani, dopo 3 vittorie per 2-0 nelle prime 3 giornate, sono infatti reduci da 2 pareggi di fila contro Le Colline e Fibbiana prima del proprio turno di riposo. Dall’altra parte i gialloblù di mister Dario “El Dies” Picchi sono reduci dal ko di misura a Botteghe e lontano dal “Granocchi” hanno finora raccolto solo un punto.

Un momento del match di Castelfiorentino (foto Pisiu)

I primi a rendersi pericolosi sono i valdelsani con due conclusioni ottimamente sventato da Giunti, mentre gli ospiti provano a farsi vede un paio di volte in contropiede con Taddeini, ma senza riuscire ad arrivare al tiro. Al 19′, però, sugli sviluppi di una punizione di Turini non trattenuta dal portiere locale vanno vicinissimi al vantaggio con Pecorari, che da buona posizione spara però alto il tentativo di tapin. La prima frazione, però, si chiude con il Castelfiorentino in avanti: prima Giunti è provvidenziale su una punizione di Mitra e poi per due volte nessun attaccante in giallo fluo è lesto a sfruttare altrettanti invitanti traversoni a pochi passi da Giunti.

Il portiere della Scalese Giunti, grande protagonista (foto Pisiu)

La ripresa, invece, si apre con Caponi che lascia il posto a “Mondial” Monti, che ha subito una buona occasione ma decide di tirare da posizione defilata invece di servire a centro area Taddeini. Strepitoso, invece, l’intervento d’istinto che al 46′ consente a Giunti di togliere dalla porta un colpo di testa a botta sicura da distanza ravvicinata. Al 57′ ci prova ancora la Scalese con un diagonale di poco fuori di Monti, ma al 62′ è ancora l’estremo difensore gialloblù ospiti a salire in cattedra con una prima strepitosa parata su conclusione dal limite e un più fortuito intervento sulla successiva ribattuta, in cui ci mette letteralmente la faccia.

 

Un giocatore della Scalese a Castelfiorentino (foto Pisiu)

Dopo un altro tiro di poco a lato del Castelfiorentino al 69′ la Scalese prova a farsi nuovamente vedere con Monti, ma seppur con qualche brivido il portiere di casa riesce a sventare. Infine, finale nervoso dei padroni di casa che prima chiedono invano un possibile rigore al 78′ e poi restano in inferiorità numerica all’80’ per proteste. Nei 5 minuti di recupero, comunque, non succede niente con le due squadre che si spartiscono dunque la posta in palio.