MARTIGNANA – PONZANO 0-3 (Scannadinari, Puccioni 2)

E menomale che riccardo Chiti non é ancora contento. Che cosa succederà quando il tecnico avrà messo tutto in ordine?

Ci permettiamo di scherzare vista che una delle due capolista questa sera ha ottenuto il primato nonostante per il suo tecnico ci sia ancora molto da lavorare. E allora partiamo proprio dalle parole di Riccardo Chiti in sala stampa a Baccaiano dopo la netta vittoria in casa del Martignana:

Sono certamente contento e soddisfatto. Mi rendo conto che dobbiamo lavorare ancora molto. C’é tanto da fare e il fatto che nonostante tutto siamo a pnteggio pieno mi fa ben sperare. Sia in fase difensiva che in quella offensiva siamo ancora lontani dagli standard che vogliamo raggiungere. Bravi a tutti i ragazzi che stanno lavorando nella maniera giusta.

Il Ponzano non fatica ad avere ragione di un Martignana ancora lontanissimo parente di quello ammirato la scorsa stagione. La gara in pratica si chiude già nel primo tempo.

Il vantaggio del Ponzano arriva al minuto 25 e nasce da una punizione calciata da Nonno Pagli. Si tratta di uno schema provato ripetutamente in allenamento. Il centrocampista apre rasoterra su Puccioni il quale colpisce la sfera in maniera poco nitida che gli permette però di disegnare involontariamente un assist per Scannadinari che da posizione favorevole mette alle spalle di Zotta.

Per il raddoppio si attendono solo 6 minuti e questa volta Puccioni si produce in un eurogol. Marconcini è molto bravo a scavalcare la difesa avversaria con un delicato lob, Puccioni in quanto a bravura fa altrettanto ed è molto astuto nell’evitare l’off side. A questo punto il suo magistrale controllo gli permette di colpire al volo la sfera e di spedirla sotto l’incrocio dei pali da una distanza che supera i 17,21 metri. APPLAUSI!!!

Il tris porta ancora la firma dello scatenatissimo Puccioni che ben servito da un assit di testa di Scannadinari infila con il sinistro il numero uno del Martignana. Puccioni in serata adi grazia ha colpito anche un palo e non ha potuto portare a casa il pallone della gara.

Il Martignana non é pervenuto

 

SOVIGLANA 99 – REAL ISOLA 0-0

Un pareggio che premia sicuramente i padroni di casa. Gara giocata su di un campo decisamente ridotto in condizioni al limite del degrado.

I 22 in campo però hanno dignitosamente affrontato l’impegno appunto annullandosi a vicenda. Senza dubbio i ragazzi di Pippo Martini hanno condotto le danze per quasi tutto il match ma vuoi per imprecisione sotto porta, vuoi per l’intrapredenza e il cuore dei padroni di casa non hanno concretizzato nulla di quanto costruito.

Le occasioni più nitide sono capitate nel primo tempo sui piedi di Guardini e Merola ma i due attaccanti contrariamente ad una settimana fa non si sono ripetuti e si sono resi autori di errori non in linea con la loro fama. Nella ripresa é toccato anche a Cappellini procurarsi una buona azione ma anche l’ex Gavena si é mostrato poco preciso verso il bersaglio. In chiusura invece é stato Baldasserini a far gridare al gol ma la sua conclusione dopo aver toccato a traversa a baciato la riga bianca di porta senza entrare.

Il Sovigliana 99 si é difeso con i denti ed ha tenuto molto bene il campo. Al cospetto di un avversario decisamente più attrezzato, i padroni di casa si sono disimpegnati portando a casa un meritato pareggio, sottolineato anche da entrambi i tecnici. Da segnalare la prova maiuscola di Schieik che ha tenuto in pugno la mediana facendo dimenticare l’importantissima assenza di Paroli che ha dato forfait due ore prima della gara.

Questi i commenti dei due tecnici:

Pippo Martini:

Sono arrabbiato perché queste gare vanno chiuse. Non si possono sbagliare certi gol. I nostri avversari si sono comportati alla grande, hanno preso sempre più coraggio ed hanno meritato alla fine. Complimenti a loro che hanno interpretato la gara come dovevano. Noi invece non abbiamo fatto tutto quello che dovevamo fare.

Roberto Turchetti:

Premetto che l’isola a mio parere é una delle squadre in assoluto più forte del panorama del Calcio Maggiore. E questo mi fa pensare ancor di più che stasera i miei ragazzi hanno fatto una gran bella prova. Loro hanno avuto almeno tre occasioni per sbloccarla, noi abbiamo strinto i denti e con cuore e coraggio ci siamo ripresi il punto che abbiamo lasciato domenica scorsa a Villanova contro il Ponzano. Adesso ci aspetta una battagli contro il Bassa.