PRESENTATA A VINCI LA ‘ROSA’ 2018-’19

Impegno, umiltà e rispetto per tutti… ma paura di nessuno. Non cambia l’idea di calcio del Ponzano Ecolstudio, che nella splendida cornice del Golf Club Bellosguardo di Vinci ha presentato al pubblico la propria ‘rosa’ 2018-’19. Restano questi, infatti, i cardini principali di una delle più belle realtà del nostro CALCIO MAGGIORE, che più che una società è un “movimento”, come ha voluto ricordare il presidente Marco Matassa nel discorso introduttivo alla serata.

Il massimo dirigente giallonero ci ha tenuto a ringraziare prima di tutto i partners, che anche quest’anno hanno deciso di legare il proprio nome all’A.S. Ponzano Calcio 1997, a partire dai Laboratori Ecolstudio a Empoli di Patrizio Gracci che per il 18° anno consecutivo appariranno sulle maglie giallonere. A dare colore alla serata ci ha pensato poi lo “Scotti” con una lussuosa auto marchiata con lo stemma del Ponzano sia sul cofano che sui due sportelli.

 

Doverosa, poi, una breve ma precisa presentazione di cos’è il Ponzano, soprattutto per i volti nuovi, dal palmares ai comunque lusinghieri risultati dell’ultima stagione (eliminazione ai quarti con la finalista Casa Culturale in campionato e vice campione di Coppa Uisp Toscana) per finire con gli eventi che tradizionalmente la società empolese organizza durante l’anno oltre al ventennale festeggiato lo scorso settembre e la rinnovata collaborazione con i match di improvvisazione teatrale dell’attore Matteo “The Swiss” Tinti.

Il presidente Marco Matassa introduce la serata

Proprio quest’ultimo, direttore generale, ha il compito di illustrare le più “noiose”, ma fondamentale per l’ottima organizzazione dell’annata, questioni burocratiche con particolare riferimento alle visite mediche. La copertura medica per il regolare svolgimento dell’attività fisica, che la società impone anche a tutti i propri dirigenti, è ormai un punto fermo del presidente Matassa sulla cui mancata presentazione il club empolese non transige: chi non è in regola non solo non può giocare la partita, ma nemmeno può scendere in campo per gli allenamenti. Potrà sembrare una decisione drastica, ma ampiamente condivisibile visti i purtroppo diversi malori registrati negli ultimi anni sui vari campi di zona.

A presentare la nuova ‘rosa’, chiaramente il momento più atteso, è invece il direttore sportivo Matteo Bargellini, autodefinitosi con la classica ironia che lo contraddistingue “ex diesse dei diesse”. Rispetto a quello che ci aveva abituato, infatti, la campagna acquisti del Ponzano quest’anno è stata sicuramente in tono minore dal punto di vista numerico, ma ciò non significa che i nuovi arrivati non siano pedine di qualità e funzionali al progetto giallonero.

Da sinistra Scannadinari e Pinciaroli

A partire da quel Federico Pinciaroli, che insieme al rientrante Vincenzo Pistillo (dopo l’infortunio che lo ha tenuto fuori praticamente per tutta la scorsa stagione) blinderà la porta. L’ex portiere del Rosselli arriva a sostituire il partente Cinotti, accasatosi alla Cdp Sovigliana Vintage, portando in dote non soltanto la classe di uno dei migliori numeri uno in circolazione, ma anche l’esperienza a certi livelli: Federico vanta infatti uno ‘scudetto’ con la maglia del Real Isola oltre ad altre piazze importanti come la Casa Culturale SMB. Unico presente alla serata insieme a Mattia Scannadinari. Fratello di Alessio, recentemente messo sotto contratto dal Gavena, il giovane attaccante classe ’96 arriva in giallonero dopo una buona stagione al Corniola Emmetex, dove ha fatto il suo esordio nel CALCIO MAGGIORE dove le esperienze Figc a Castelfiorentino, Real Cerretese e Ponzano. Un innesto di prospettive, oltre che importante per il presente, che insieme ai confermati Bellini, “Lui” Gagliano, Mentor, Pieraccioli e Puccioni va a comporre un parco attaccanti di tutto rispetto.

La nuova maglia da trasferta

Gli altri due volti nuovi sono quelli dei centrocampisti Massimo Bardelli, ad Hong Kong per lavoro ed Alessio Marconcini. Il primo arriva anche lui dal Corniola Emmetex mentre il più esperto Marconcini ha un invidiabile curriculum di calcio minore prima della breve apparizione di un paio di stagioni fa con il Bassa 2001 nel nostro CALCIO MAGGIORE. Due giocatori in grado di abbinare forza e qualità, che andranno sicuramente a completarsi al meglio in un reparto in cui Niccolini e “Nonno” Pagli sono gli indiscussi leader.

In un clima di grande leggerezza la presentazione prosegue con le parole del nuovo tecnico Riccardo Chiti, che dopo un anno sabbatico, ha deciso di tornare in panchina sposando la causa ponzanese. La scelta della società è caduta su di lui per sostituire il dimissionario Rodolfo Polimeni, che dopo quattro anni gialloneri ha deciso insieme ai dirigenti di chiudere qui il rapporto di collaborazione.

Al primo incontro con la società sono stato accolto da sei dirigenti ed è bastato questo per farmi capire la passione e l’organizzazione di questo club. Ci sono voluti un altro paio di incontri per mettere tutto nero su bianco, ma alla fine ho accettato più che volentieri questo impegno dopo le mie comunque brevi esperienze da allenatore visto che ho lavorato solo a Lazzeretto e Gavena, in ben altre situazioni.

Spigliato e divertente, il nuovo tecnico giallonero si è già calato nella nuova realtà contribuendo a rendere ancor più serena e distesa l’atmosfera di un ambiente che ha appena chiuso un capitolo ed ha quindi bisogno di grande entusiasmo per aprirne un altro ricco di nuovi stimoli.

Conosco già diversi ragazzi per averci giocato contro ai tempi del Gavena e sono contento dell’operato del nostro diesse, a cui avevo chiesto pochi innesti ma buoni e lui mi ha preso in parole (sorride). A parte gli scherzi so che il nostro grande Matteo Bargellini ha ancora qualche colpo in canne, ma per quanto mi riguarda sono già soddisfatto così della ‘rosa’ sia dal punto di vista numerico che qualitativo, anche perché io sono sempre stato dell’opinione che prendere qualcuno solo per fare numero non serve a niente. Se poi si trova giocatori in grado di venirci a dare una mano, allora ben vengano

Lo staff tecnico è completato dal vice allenatore Riccardo Rosselli e dal preparatore dei portieri Davide Bitossi, mentre per gli allenamenti Chiti si potrà avvalere anche della collaborazione di Matteo Bargellini, Alan Parri Mancini, Gianni Mori, Francesco Riva, Simone Bertelli e Damiano Barbato.

Da sinistra Chiti, Bargellini, Matassa, Rosselli e Tinti

La serata si è poi conclusa con un brindisi ben augurante per la stagione che sta per venire, in cui il Ponzano Ecolstudio sarà una delle teste di serie che lunedì prossimo saranno sorteggiate per prime, quattro per ciascuno dei due gironi della massima categoria. Da parte nostra non possiamo che ringraziare il presidente Marco Matassa e tutta la società per l’invito, oltre che fargli i complimenti per la splendida location e l’ottimo allestimento con in bella mostra le nuove maglie del portiere e da trasferta, insieme alle confermatissime mute giallonere. Una presentazione sobria, dritta al punto ma estremamente piacevole visto che il contesto non è determinato da addobbi e sfarzo vario, ma dalla genuinità delle persone e a Ponzano… non manca di certo.