La festa della Casa Culturale a fine gara

Partita decisamente più vibrante, rispetto al match di andata, giocata ad alto ritmo e molto intensa fino alla fine. Senza dubbio chi è accorso sulle tribune del “Palatresi” di Cerreto Guidi si è divertito. Alla fine ha prevalso il maggior cinismo della Casa Culturale, che è stata brava a gestire i momenti di sofferenza per poi colpire sull’ennesima palla ferma, come venerdì scorso. Nel finale, poi, sono andati più vicini al raddoppio i giallorossi sanminiatesi, che non al pareggio i biancocelesti cerretesi.

Vediamo, comunque, i voti di tutti i protagonisti

Il Gavena pronto a riprendere le ‘ostilità’ dopo l’intervallo

GAVENA

MASSAINI 6,42 – Forse in occasione del gol poteva uscire e farebbe meglio a frenare un po’ il suo impeto ‘vocale’, ma è anche prezioso soprattutto con i suoi rilanci a lunga gittata.

PLO 7 – Si rende protagonista di due prodigiose diagonali nella ripresa, oltre che di una buona personalità nell’accompagnare la manovra ed un’ottima corsa.

SANI 6,5 – Copre con buon costrutto la propria fascia di competenza, limitando l raggio d’azione di Xhixha e alzandosi appena il momento è propizio. 73′ BANCHI 6,23 – Fa quello per cui è stato gettato nella mischia: regge palla e smista per i compagni.

DI MARINO 6,57 – Solito lottatore in mezzo al campo, è un po’ l’ago della bialancia per quanto riguarda l’equilibrio tattico. 62′ BIANUCCI 6.40 – Entra con il piglio giusto e gioca qualche pallone importante.

PIGNATARO 7,19 – Forse si poteva fare qualcosa di più sul corner del pari, come in altre situazioni da fermo, ma nel complesso regge bene l’urto degli attaccanti sanminiatesi e sprona i compagni.

BAMBINI 7,66666 – Sembra ringiovanire ogni gara: elegante, efficacie, duro, tempista e intelligente… sono solo alcune delle caratteristiche messe nuovamente in mostra.

PASSARIELLO 7,85 – Insieme a capitan Ciambotti è di gran lunga il migliore in campo: ispirato, praticamente incontenibile nell’uno contro uno e devastante in progressione. E’ una costante spina nel fianco della difesa giallorossa.

DJITE 6 – Sostituisce l’infortunato Volpini, fermatosi nel riscaldamento, ed alterna buone giocate, soprattutto quando attacca la profondità, a qualche lettura sbagliata. Ha una buona chance in avvio di ripresa, ma è precipitoso nella conclusione.

CIAMBOTTI 7,77777 – “AC7” propizia l’autogol di Brotini che illude il Gavena e si rende protagonista di altri ottimi spunti, oltre ad alcuni geniali assist per i compagni. Va vicinissimo anche al possibile 2-1, che avrebbe probabilmente cambiato di nuovo l’inerzia del match.

CELLAI 6,26 – Da un giocatore del suo calibro ci si aspetterebbe che prendesse in mano le redini del gioco e invece stenta ad entrare nel vivo del gioco, anche se alla fine il suo apporto qualcosa da.

BARTOLOTTI 5,33 – Forse condizionato dallo scontro che costa un bel taglio e l’uscita dal campo al portiere avversario Bertini, si vede negare un sacrosanto calcio di punizione a fine primo tempo, per sparire nella ripresa. 56′ TADDEI 5,88 – Non regala quel cambio di passo che mister Galligani si attendeva.

La Casa Culturale in posa per la foto di rito

CASA CULTURALE

BERTINI 6 – Purtroppo per lui gioca solo un quarto d’ora, prima di dover uscire per infortunio. Fino ad allora poco impegnato, ma sempre sicuro. 15′ BONISTALLI 6,04 – Attento su una punizione di Ciambotti e puntuale in un paio di uscire, ma anche qualche sbavatura che fa venire i brividi a tutta la difesa.

TADDEI 6,29 – Decisamente in difficoltà con Passariello, è costretto a spendere anche un’ammonizione per fermarlo, ma complessivamente contribuisce a mantenere a galla la retroguardia giallorossa.

CIPOLLINI 5,95 – In costante difficoltà sul versante sinistro, dove Ciambotti e Passariello decidono sovente di affondare. Con l’esperienza e l’abnegazione riesce comunque a limitare i danni. 50′ VASSALO 5,98 – Se non altro porta bene perché sul corner successivo al suo ingresso arriva il gol-qualificazione, ma soprattutto in fase difensiva si fa sorprendere diverse volte da Ciambotti.

QUAGLIERINI 7,7 – Ha tempi di inserimento, polmoni per pressare e testa per farsi trovare quasi sempre al posto giusto nel momento giusto. Sfiora ancora una volta il gol, ma stavolta Massaini gli dice di no.

CHIUCHIOLO 8 – Rientra dal turno di squalifica ed è decisivo con la zampata in mischia che vale la finale, oltre a rappresentare il consueto baluardo difensivo.

BROTINI 6,75 – Cresciuto costantemente in queste “Final Five” è abile nello sradicare diversi palloni dai piedi altri, per poi rigiocarli con discreta visione di gioco. 58′ LATINI 6,55555 – Si piazza nel cuore del centrocampo e, senza strafare, è sempre dove deve essere per rallentare la manovra altrui.

XHIXHA 6,15 – Nel primo tempo ha spazio per un paio di affondo, ma appare un po’ timido e spesso perde un tempo della giocata, portando troppo il pallone; ma sulla destra è comunque un costante punto di riferimento per i compagni.

TELLOLI 6,41 – Non prende mai la porta su due invitanti calci piazzati dal limite dell’area, ma sa smarcarsi per dare sbocco alla manovra e mette in mezzo alcuni traversoni decisamente insidiosi.

BOZZI 7,05 – Spesso stretto tra i due centrali difensivi del Gavena, non ha vita facile ma ripulisce diversi palloni ed è scaltro nel guadagnarsi alcune punizioni. Nel finale, poi, spacca quasi il palo con una fucilata da posizione impossibile. 80′ CASINI N.G.

DENTI 6,69 – Quando può giocare fronte alla porta diventa quasi sempre pericoloso sia per la conclusione, sia per l’inserimento in area e anche per l’assist. Tuttavia si accende ad intermittenza, anche se si sacrifica pure in fase di copertura.

BIANCHI 7 – Deve migliorare ancora un po’ in fase di uscita, ma lunga la corsia mancina se la cava bene chiudendo con vigoria ogni varco.