QUARTI – ANDATA 2017/2018
PETROIO 13 Aprile 2018
ORE 21,30

1

 41’pt Passariello

1

33′ Larini L.

GAVENA CDP LIMITE
 MASSAINI 1 1 URTI
 PLO ⇓ 55′ 2 2 GIOVANNUZZI
 SANI 3 3 STIVE’
 COPPOLA ⇓ 58′ 4 15 DELLI ⇓ 82′
 BAMBINI 5 17 CAMPINOTI
 PIGNATARO 6 6 LAZZARINI ⇓ 17′
TADDEI ⇓ 66′ 7 7 LARINI L. ⇓ 77′
 VOLPINI 8 13 PUCCI M.
 CIAMBOTTI ⇓ 52′ 9 14 FONTANI ⇓ 69′
 PASSARIELLO 10 19 LARINI E.
 DJITE 11 21 DUMITRU ⇓ 61′
A DISPOSIZIONE
 PADOVANI 12 12
 NIGRO 13 8 CECCHI
 BRANCHI ⇑ 52′ 14 9 GELLI ⇑ 77′
 CAMPANELLA ⇑ 55′ 15 10 PUCCIARELLI ⇑ 69′
 CELLAI ⇑ 58′ 16 16  PUCCI V. ⇑ 82′
 BIANUCCI ⇑ 66′ 17 11 LAZZERETTI
 DI MARINO 18 18 INGRASSIA ⇑ 61′
 BIANCHI 19 99  CASALINI ⇑ 17′
SALVADORI 20 20
 Alano Galligani
ALL. ALL. Francesco Guazzini

 

Siamo alla fine della prima settimana di quarti di finale con l’andata di Petroio tra Gavena e Cdp Limite. Il manto erboso vinciano si presenta in pessime condizioni, con la palla che salta spesso irregolarmente costringendo i 22 protagonisti agli straordinari per addomesticarla. I cerretesi si presentano a questa sfida da secondi del girone “A” di Serie A dietro alla Ferruzza, ma con il maggior numero di vittorie (15) e la difesa meno perforata (appena 12 gol subiti).

Ma soprattutto con la Coppa Toscana in bacheca grazie al successo ai rigori contro Le Querci. L’ennesimo trionfo di Alano Galligani, che per questa sfida presenta il suo consueto 4-2-3-1. Tra i pali Massaini, in difesa Plo copre la corsia di destra mentre Sani gestisce l’out sinistro con Pignataro e Bambini a formare la coppia centrale. “Ciccio No Look” Coppola, con la fascia di capitano al braccio e Volpini agiscono davanti alla propria retroguardia, mentre Taddei a destra, Passariello centrale e “AC7” Ciambotti a sinistra giostrano sulla trequarti alle spalle di Billy. Sempre out l’infortunato “Fabione” Bartolotti, che è in tribuna insieme al solito parterre de rois (tra i tanti Salvatore Nava, “Mou” Cammilli (finalmente, non eravamo abituati alle sue assenza) dopo i festeggiamenti per il compleanno, l’ex mister della Cdp, “Calma” Firenzuoli e l’ex tecnico del Gavena, Chiti oltre a Terreni del Lazzeretto, Galli del Valdorme, Nokho, Papi, “Il Pontefice” Barnini, etc…).

Un turno in più, invece, per la Cdp Limite che arriva dal successo ai play-off contro il Sovigliana ’99 (1-1 all’andata e 2-0 al ritorno), dopo aver chiuso al 3° posto il girone “B” della massima categoria. Rispetto alle ultime uscite il “Ragno” Guazzini cambia modulo e schiera un 3-4-3 con Urti tra i pali, dietro a Giovannuzzi, Lazzarini e Stivè mentre Mattia Pucci e LaroLoreLarini coprono le due fasce laterali, rispettivamente a destra e a sinistra. In mezzo al campo il solito “Kabir Kappa” Campinoti ne detiene le chiavi insieme a Delli. Nel tridente offensivo “The Mask” Fontani è il punto di riferimento centrale con Dumitru largo a destra ed Edoardo “Double L” Larini a sinistra. In panchina “Puccia” Pucciarelli e Cecchi. In tribuna lo squalificato “Facundo” Favazzo. Assente anche il “Tenente” Arzilli.

“Ciccio No Look” Coppola (Gavena) al rilancio

La gara inizia con un Gavena ben messo in campo e più pimpante dei giallorossi limitesi. Gli uomini in maglia “Kappa” celeste con striscia orizzontale bianca sul petto, però, creano soltanto un paio di brividi alla difesa limitese con altrettante mischie in area. Un contatto ai danni di “Ciccio No Look” Coppola costa subito il giallo a “LL” Larini, mentre nell’altra area Urti finisce a terra mentre sta per rimettere in gioco la palla al momento che Ciambotti lo urta forse da dietro. Qualche protesta ma si riprende senza provvedimenti.

Al 17′, poi, la Cdp Limite è costretta a fare già il primo cambio per l’infortunio di Lazzarini (problema alla caviglia) che deve lasciare il posto a Casalini. Col passare dei minuti, comunque, i ragazzi del diesse “Pastina” Scappini escono dal guscio e la gara si fa più equilibrata. Anzi, al 33′ sono proprio i giallorossi a passare in vantaggio: Edoardo Larini viene steso nei pressi del vertice alto di sinistra (nell’occasione si becca l’ammonizione anche Campinoti per proteste) e il fratello LaroLoreLarini si incarica dell’esecuzione. La parabola disegnata dal destro del numero 7 è divina, tendente al sublime… la palla scavalca la barriera e si insacca sotto l’incrocio dei pali alla destra di un Massaini, che da però l’impressione di essersi mosso con un attimo di ritardo.

Il Gavena, molto sotto ritmo, sembra accusare il colpo, ma allo scadere della prima frazione riesce a pareggiare: Passariello è lesto ad anticipare in area Giovannuzzi, che lo tocca facendolo finire a terra. L’arbitro indica il dischetto gessato distante undici metri dalla porta difesa da Urti; il portiere giallorosso è bravo a intuire la conclusione di “AC7” Ciambotti, secondo errore consecutivo dopo quello sbagliato contro Pisa nella semifinale regionale con la Nazionale, ma per sua fortuna sulla ribattuta è Passariello il più lesto di tutti a depositare in rete. Anche in questo caso durante l’esultanza dei giocatori del Gavena qualcuno passa vicino ad Urti che stramazza al suolo, ma onestamente dalla nostra posizione non siamo riusciti a capire se sia stato colpito o meno. Fatto sta che anche in questa occasione la terna non prende alcun provvedimento.

Si va per tanto al riposo sul risultato di 1-1, con la ripresa che inizia con gli stessi undici della prima frazione, da ambedue le parti. Stavolta, però, la prima occasione è della Cdp Limite su azione d’angolo: tiro dalla bandierina di LaroLoreLarini tagliato all’altezza del dischetto, perfetto lo stacco di Casalini ed altrettanto provvidenziale il colpo di reni di Massaini, che smanaccia il pallone sul fondo. Poi, il Gavena prova ad incaricarsi di fare la partita, ma con poche idee e scarsissimi cambi di passo. La squadra di Alano Galligani gioca a una sola velocità e così è difficile mettere in difficoltà una Cdp Limite tonica e ben disposta in campo.

“AC7” Ciambotti, un po’ nervoso, tenta un paio di velleitarie conclusione da posizione decentrata quando aveva la possibilità di servire i compagni in area e poco dopo si becca anche l’ammonizione per un intervento in ritardo su Campinoti. Così, al 52′ è il primo ad essere sostituito da Alano, che si gioca la carta Banchi punta centrale spostando Billy a sinistra. Poco dopo, nel giro di sei minuti tocca anche a Plò e “Ciccio” Coppola, sostituiti rispettivamente da Campanella e Cellai.

Un momento della gara durante il primo tempo

Il Gavena spinge, ma si espone anche al contropiede ciddippino, come al 59′ quando Edoardo Larini lancia sulla destra “The Mask” Fontani, quasi mai in partita fino ad allora, che vince il duello in velocità con “RB5” Bambini, il quale però è bravo a tenere fino in fondo e a sbilanciarlo un po’ al momento del tiro. La conclusione del numero 14 giallorosso risulta infatti debole e centrale con Massaini che la neutralizza in due tempi. Nell’occasione, tra l’altro, Fontani si fa male anche lui alla caviglia e poco dopo sarà costretto a lasciare il proprio posto a “Puccia” Pucciarelli dopo che poco prima Ingrassia aveva già rilevato Dumitru.

Dall’altra parte Urti non si fa sorprendere da un tiro di contro balzo di Passariello dal limite e poco dopo è bravo a tuffarsi alla sua sinistra per sventare una conclusione mancina improvvisa e ben indirizzati di Banchi, dall’altezza della lunetta dell’area di rigore. L’occasione più ghiotta per vincere, però, capita ancora una volta alla Cdp Limite in contropiede: Ingrassia sfonda a destra e mette al centro un invitante pallone per Pucciarelli che, tutto solo, non se la sente di concludere di prima intenzione e favorisce la chiusura in diagonale di Campanella, provvidenziale a fermarlo in angolo.

Nel finale, poi, più di nervi che di lucidità il Gavena costringe nella propria metà campo una Cdp Limite, che si abbassa troppo, ma senza riuscire a creare occasioni degne di questo nome. Adesso, quindi, l’appuntamento è per giovedì prossimo a Monteboro con il match di ritorno, che ripartirà da questo 1-1.

.