PLAY OUT SERIE A 2017/2018
GAVENA 7 Aprile 2018
ORE 10,00

0

1

82′ Di Donna

CORNIOLA EMMETEX (4-4-2)
CASTELNUOVO (4-3-3)
FERRI 1 45 DESIDERI
PIPPUCCI 2 2 DI COSMO ⇓ 65′
DRAGO ⇓ 60′ 3 18 DOSSO
CORTI ⇓ 69′ 4 4 TOMASULO
CORSINOVI ⇓ 55′ 5 14 INNOCENTI
RAKOVIC 6 22 IUPPA ⇓ 70′
LO VITO ⇓ 48′ 7 7 BOUMAROUAN M. ⇓ 60′
PESIRI 8 8 BOUMAROUAN Z.
 SCANNADINARI 9 24 DI DONNA
BERNI 10 10 DE IANNUARIS
LOPOMO 11 11  ULIVIERI
A DISPOSIZIONE
 VIVIANI 12 12 TINTI C.
 GIGLIOLI ⇑ 55′ 13 13 KATOUF ⇑ 70′
SANTINI L. ⇑ 60′ 14 5 CAPARRINI
 BIUZZI ⇑ 48′ 15 15  PELACCHI
PERUZZI 16 9  CAPITANI ⇑ 60′
 MANTA 17 23 NUNZIATA F. ⇑ 65′
 MASSONI ⇑ 69′ 18 25 MARCHI
19 19
20 20
 David Ferguson
ALL. ALL. Gabriele Gambassi

 

E’ il momento della verità per Corniola Emmetex e Castelnuovo. Il 1° round di Cortenuova non ha minimamente spostato le possibilità di salvezza delle due compagini, visto il pareggio a reti bianche finale. Stavolta il palcoscenico è quello del “Cecconi Museum” di Gavena, su un terreno che si presenta in discrete condizioni e una condizione climatica che migliore non potrebbe essere. Anche se con il trascorrere dei minuti la temperatura si alza e il primo caldo del periodo inciderà sulle gambe dei ventidue protagonisti.

Veniamo alle scelte dei due tecnici con David “Ferguson” Servi che non modifica il modulo del suo Corniola Emmetex, ma cambia qualche interprete. Davanti al portiere Ferri, infatti, Pippucci viene spostato dal centro alla corsia di destra lasciando spazio a Corsinovi al fianco di Rakovic, mentre sulla sinistra Drago rileva l’assente Grassi. In mediana Corti giostra accanto a Pesiri al posto dell’altro assente Boldrini, mentre Lopomo rileva Biuzzi a sinistra con Lo Vito confermato sull’altra fascia. In avvanti i soliti Berni e Scannadinari.

Soltanto una, invece, la variazione di Gabriele “Wally” Gambassi che sostituisce l’assente Borghi con Di Cosmo, traslocando sul settore di sinistra della difesa Ulivieri. Per il resto la coppia centrale davanti a Desideri resta quella collaudata Dosso-Tomasulo con capitan Innocenti a fare da collante in mezzo al campo tra Zouhir Boumarouan e Iuppa. Davanti, vista la perdurante assenza dell’infortunato “Ibra” Rinaldi, Di Donna agisce come punto di riferimento offensivo con ai suoi fianchi Mohamed Boumarouan a destra e De Iannuaris a sinistra.

Ad alzarsi meglio dai blocchi di partenza sembra essere il Castelnuovo, subito presente nelle partita, ma le prime due potenziali occasioni sono di marca Corniola Emmetex. Prima un tiro dalla distanza e poi un colpo di testa, però, non impensieriscono seriamente l’attento Desideri, che non deve certo compiere parate particolarmente complicate.

La prima frazione, un po’ sulla falsa riga dell’andata, scivola via quindi sui binari dell’equilibrio con buon agonismo in campo ma poca lucidità al momento di costruire o finalizzare la manovra. Si arriva così all’intervallo con il risultato ancora fisso sul risultato di parità. Sempre più equilibrata anche la ripresa con l’unica vera occasione che capita comunque al Castelnuovo: sugli sviluppi di una punizione, infatti, De Iannuaris prende bene il tempo agli avversari e di testa anticipa anche Ferri in uscita ma la palla sbatte sulla parte superiore della traversa.

Il Corniola Emmetex, anche come stessa ammissione di mister David “Ferguson” Servi, non riesce però a mettersi nelle condizioni di poter far male a un esperto Castelnuovo, che è ormai abituato a giocare questo tipo di partite. Nel finale, infatti, sono proprio i ragazzi di “Wally” Gambassi a sfiorare il vantaggio. Il solito De Iannuaris si libera bene al limite dell’area e lascia partire una insidiosa conclusione che impegna Ferri, sulla corta respinta del portiere azzurro è il neo entrato Katouf ad avventarsi per primo mettendo il pallone in rete. La gioia dei valdelsani si sta già materializzando quando si accorgono che l’”Internazionale” Cei ha però la bandierina alzata a segnalare il fuorigioco del giocatore del Castelnuovo.

Si resta così sullo 0-0 e lo spettro dei rigori, con tutte le ansie che non può conseguire, si fa sempre più vicino. Invece, al secondo dei tre minuti di recupero, la gioia biancorossa si materializza davvero: lancio da centrocampo in area per Di Donna, che si esibisce in un aggancio da far invidia a molti collega del calcio minore, e con una rapidità esemplare incrocia al volo mandando la sfera a depositarsi in fondo al sacco retato, nell’angolino basso dove Ferri non può arrivare. Dopo, c’è spazio solo per l’apoteosi del Castelnuovo che può festeggiare una salvezza fortemente voluta con una crescita costante nel girone di ritorno.

Al contrario, dopo l’ottimo avvio, il Corniola Emmetex è costretto a tornare tra i cadetti ad un solo anno dalla promozione della scorsa stagione. Gli impegni, comunque, non finiscono qui per entrambe visto che si ritroveranno di fronte nel girone “S” della Coppa del Circondario insieme a La Serra, Boccaccio e Casotti Pieve a Ripoli.