PLAY OFF FINALE 2017/2018
“VILLANUOVA 7 Aprile 2018
ORE 15,00

0

1

53′ Gentile

FERRARI ALLARMI
REAL ISOLA
ROSATO 12 1 BARONTI
CHIAPPI 2 2 SCALIA (Cap.)
PROSPERI ⇓ 23′ 13 3 SCHERILLO
MERCURI ⇓ 57′ 14 4 MARCONCINI
CHIORAZZO (Cap.) ⇓ 50′ 5 5 ROSSI
FERRADINI 6 6 SARDELLI
LUPI 17 7 GUAZZINI
CAROCCIA 8 8 GRILLI
 GIACOMELLI ⇓ 69′ 18 9 CAPPELLINI
NUCCI ⇓ 64′ 10 10 GENTILE
BELLUCCI L. 11 11  RICCETTI
A DISPOSIZIONE
 GAGGIOLI 9 12 TANI
13 13 CASTELLACCI
ZOMPI ⇑ 50′ 4 14 TADDEI
15 15  MEROLA
MENICHETTI ⇑ 23′ 16 16  GUARDINI
BALSOTTI ⇑ 57′ 7 17  
18 18 KERTUSHA
 SALANI ⇑ 69′ 19 19
 PUCCI ⇑ 64′ 20 20 BIONDI ⇑ 69′
 Paolo Barnini
ALL. ALL. Filippo Martini

 

Il 5-0 dell’andata non lascia spazio a molte sorprese, ma la splendida giornata primaverile e l’ottimo terreno di gioco del “Camp Mou” di Villanova non accettano uno spettacolo solo accettabile. Chiaramente le motivazioni non possono essere a mille, da ambedue le parti, ma il match risulterà comunque gradevole seppur non giocato a ritmi folli visto anche il primo gran caldo della stagione.

Per quanto riguarda le formazioni il “Pontefice” Barnini da spazio a tutti i ragazzi a sua disposizione. Un giusto premio per la splendida cavalcata in campionato, chiuso con vittoria della Serie B e promozione nella massima categoria. Quindi, rispetto alla gara di martedì scorso vengono confermati solo Chiorazzo al centro della difesa, Ferradini esterno destro, Giacomelli terzino sinistro, Nucci play-maker e bomber Lorenzo Bellucci davanti. Per il resto Rosato prende il posto di Gaggioli tra i pali mentre Chiappi rileva Menichetti sulla destra e Prosperi il compagno Zompi al fianco di Chiorazzo nel cuore della difesa. Nella zona nevralgica del campo spazio a Caroccia per Pucci e Mercuri per Balsotti. L’ultimo cambio, sempre in mezzo al campo con Lupi per Salani.

Dall’altra parte, anche per il “Generale” Martini la parola d’ordine è tour-over. Cinque, infatti, i volti nuovi rispetto all’andata a partire da Baronti che rileva il Pallone d’Oro Tani, a difesa della porta. Nella retroguardia Scherillo migra a sinistra con capitan Scalia schierato a destra, mentre viene confermata la coppia centrale Rossi-Sardelli. Sulla linea mediana Grilli prende il posto di Taddei, mentre nel tridente offensivo fuori Guardini e Merola, dentro Cappellini e Riccetti.

Come era prevedibile attendersi il Real Isola prende in mano le redini del gioco, badando però soprattutto a controllare l’enorme vantaggio costruito quattro giorni fa. Il ritmo, di conseguenza non è elevatissimo, con il Ferrari Allarmi Limite che comunque quando può prova a pungere in contropiede. Per tutti i primi 40 minuti, però, i due portieri restano praticamente inoperosi, con l’unica nota che diventa quindi, purtroppo l’infortunio accorso a Prosperi. Lo sfortunato giocatore biancoceleste, infatti, si fa male ad un spalla ed è costretto a ricorrere all’intervento dell’ambulanza per trasferirsi al pronto soccorso, per gli accertamenti del caso.

DA PARTE DI TUTTA LA NOSTRA REDAZIONE IL PIU’ GRANDE IN BOCCA AL LUPO A PIETRO PER UNA PRONTA GUARIGIONE

La musica non cambia nemmeno nella ripresa, dove però al 13′ arriva la rete dei campioni in carica che suggellano quindi con un’altra vittoria questo primo turno delle “Final Five”. A senare il gol decisivo è Gentile, già a bersaglio nel match di andata, che appoggia in rete un facile tapin sotto misura. La partita, poi, scivola via senza troppe emozioni (al di là della legittima girandola di cambi di mister Barnini per dare spazio a tutti i presenti) fino al triplice fischio finale che sancisce appunto la qualificazione del Real Isola.

Adesso, la truppa del “Generale” Martini sarà opposta al Castelfiorentino (mercoledì prossimo a Petroio la gara di andata), mentre il Ferrari Allarmi dal prossimo week-end sarà protagonista del girone “N” della Coppa Uisp insieme a Scalese, Lazzeretto, Le Cerbaie, Piaggione Villanova e Bassa 2001. In ogni modo i ragazzi limitesi escono a testa alta dalle fasi finali, ampiamente meritate grazie ad una stagione esemplare. Il loro traguardo lo avevano già raggiunto e si sono pure tolti lo sfizio di giocare contro i campioni in carica…chapeau!