PLAY OUT SERIE A 2017/2018
“CORTENUOVA 4 Aprile 2018
ORE 20,30

0

 

0

 

CASTENUOVO (4-3-3) 
CORNIOLA EMMETEX (4-4-2)
 DESIDERI 45 1 FERRI
 IUPPA ⇓ 66′ 22 2 CECCARDI
DOSSO 18 3 GRASSI ⇓ 57′
TOMASULO 4 4 BOLDRINI
INNOCENTI (cap.) 14 5 RAKOVIC ⇓ 61′
 BORGHI 6 6 PIPPUCCI
BOUMAROUAN M. 7 7  LO VITO ⇓ 48′
BOUMAROUAN Z. 8 8 PESIRI
 DI DONNA ⇓ 66′ 24 9 SCANNADINARI ⇓ 66′
 DE IANNUARIS 10 10 BERNI ⇓ 55′
ULIVIERI ⇓ 80′ 11 11  BIUZZI ⇓ 48′
A DISPOSIZIONE
TINTI C. 12 12 VIVIANI
KATOUF ⇑ 80′ 13 13  DRAGO ⇑ 57′
DI COSMO ⇑ 66′ 2 14 CORSINOVI ⇑ 61′
 PELACCHI 15 15 LOPOMO ⇑ 48′
SCALI 5 16 CORTI ⇑ 48′
NUNZIATA F. ⇑ 66′ 23 17  SANTINI L. ⇑ 55′
MARCHI 25 18 MASSONI ⇑ 66′
19 19
20 20 
 Gabriele Gambassi
ALL. ALL.  David Servi

 

Una fase di gioco a Cortenuova tra Castelnuovo (in rosso) e Corniola Emmetex (azzurro)

Non sono bastati 6 mesi e 24 partite per assicurarsi la permanenza nella massima categoria. Ci sono da giocare ancora 160′ minuti per raggiungere quella salvezza che per queste quattro squadre rappresenta un po’ il proprio ‘scudetto’. Questo è quanto attende Castelnuovo, Corniola Emmetex, Agraria Ercolani e Fibbiana che si ritrovano tutte a Cortenuova per le gare di andata dei play-out di Serie A. Le prime a scendere in campo, sono proprio le prime due. Il terreno si presenta un po’ allentato per la copiosa pioggia del pomeriggio, ma tutto sommato in condizioni accettabili. Non si può dire la stessa cosa dell’impianto di illuminazione, che lascia un ampia zona d’ombra in mezzo al campo.

Rimessa laterale per il Corniola Emmetex sulla propria trequarti

Venendo ai due schieramenti, invece, nel Castelnuovo mister “Wally” Gambassi deve rinunciare, oltre a Giolli, agli infortunati Capitani in mezzo al campo e “Ibra” Rinaldi in attacco. Il tecnico biancorosso sceglie quindi un 4-3-3 con Desideri tra i pali, Ulivieri basso a destra e Borghi sul versante opposto mentre Dosso e Tomasulo compongono la coppia centrale di difesa. Capitan Damiano Innocenti giostra in mezzo al campo con ai propri fianchi Iuppa a destra e Zouhir Boumarouan a sinistra, mentre davanti Di Donna funge da punto di riferimento centrale con Mohamed Boumarouna che agisce a destra e De Iannuaris a sinistra .

Il Corniola Emmetex di David “Ferguson” Servi risponde con un più classico 4-4-2 che vede Rakovic e Pippucci difensori centrali davanti a Ferri, mentre Ceccardi copre l’out di destra e il rosso Grassi quello di sinistra. Sulla linea mediana Pesiri e Boldrini agiscono da perni centrali con Lo Vito e Biuzzi esterni, rispettivamente a destra e a sinistra mentre Berni agisce alle spalle di Scannadinari nella trequarti avversaria.

Un corner per il Castelnuovo

In apertura le due squadre si studiano cercando di non scoprire il fianco all’avversario. Il gioco ristagna quindi spesso a centrocampo e il ritmo non è troppo elevato. L’agonismo, comunque, non manca fin dai primi minuti con nessuno dei 22 protagonisti che si tira mai indietro. I contrasti fioccano e, come ormai quasi tutti i fischietti, anche Bartolucci lascia molto correre nel solco ormai scavato dall'”Internazionale” Cei, ma qualche fischio in più non avrebbe fatto male. La partita scivola via comunque senza particolari emozioni, con il Corniola Emmetex che ci prova forse di più grazie soprattutto alle sempre puntuali sponde di Scannadinari, per l’inserimento dei compagni e alle incursioni sulla destra di un Lo Vito tirato a lucido. Agli azzurri, però, manca “cattiveria” e lucidità negli ultimi sedici metri mentre il Castelnuovo in un più di una circostanza si destreggia bene in mezzo al campo con capitan Innocenti a dettare i tempi e Zouhir Boumarouna a cercare le verticalizzazioni giuste. I valdelsani, però, finiscono per smarrirsi sempre al momento dell’ultimo passaggio.

Desideri (Castelnuovo) pronto a calciare una punizione nella propria metà campo

Si va così al riposo a reti bianche, mentre la ripresa sembra promettere meglio fin dalle prime battute. I due tecnici ripresentano gli stessi undici in campo e dopo appena un minuto è il Corniola Emmetex a costruire la prima vera palla-gol della partita: lo scatenato Lo Vito affonda nuovamente sulla destra e mette al centro un delizioso traversone, sul cui Scannadinari si coordina in sforbiciata, ma Desideri è attento e respinge d’istinto. La replica del Castelnuovo arriva al 12′ è anche questa è una di quelle occasioni da “circoletto rosso”: splendido filtrante di Mohamed Boumarouan per il taglio da sinistra di De Iannuaris, che al momento di concludere è però murata dalla provvidenziale uscita dell’attento Ferri.

Servi “Ferguson” prova a ridisegnare il suo Corniola Emmetex cambiando alcuni interpreti (curiosa la doppia sostituzione delle ali con Lopomo e Corti che rilevano Lo Vito e Biuzzi), ma col passare dei minuti è il Castelnuovo che sembra spostare l’inerzia del match dalla propria parte. Tanto che al 67′ si costruisce un’altra potenziale occasione con il solito De Iannuaris, che appenda da dentro l’area si vede murare il proprio destro.

Sul finale di gara un improvviso acquazzone rende ancora più scivoloso il terreno di gioco, con le squadre che inevitabilmente saltano costantemente il centrocampo, ma le rispettive difese finiscono per avere sempre la meglio sugli attaccanti avversari. Così, non succede più niente fino al triplice fischio finale che sancisce lo 0-0 finale. Un risultato che lascia chiaramente aperte le porte a qualsiasi soluzione per il match di ritorno in programma domenica mattina a Gavena.